DON AIREY AND TOLO MARTON 



DON AIREY AND TOLO MARTON 
TEATRO ASTRA 09-02-2019
SANGIOVANNI LUPATOTO VR


RASSEGNA ACUSTICAMENTE - 11° EDIZIONE
A CLASSIC ROCK NIGHT
Dopo i 4 sold-out del mitico batterista IAN PAICE, arriva al Teatro Astra un altro grande musicista dei DEEP PURPLEDON AIREY.


Il leggendario tastierista dei DEEP PURPLE sarà accompagnato in questo speciale evento da altrettanti prodigiosi musicisti: 
TOLO MARTON
chitarrista d’eccezione che ha suonato con i più grandi del blues, 


PAOLO SBURLATI batterista alter-ego italiano di Ian Paice, 
ALDO CASAI che con la sua potente vocalità farà riviere                                          i grandi  pezzi dei DEEP PURPLE 
e  il lupatotino SIMONE BISTAFFA per basso e chitarra, che ha collaborato              con numerosi artisti italiani e stranieri di livello mondiale.
Un appuntamento da non perdere con il meglio dei Deep Purple 
e dei capolavori del rock classico di tutti i tempi.

TUTTI I POSTI SONO NUMERATI!






MALIKA AYANE




MALIKA AYANE 
DOMINO TOUR 2019


Così come l’album “DOMINO” è nato come un proseguo di 

“NAIF”, anche il Domino Tour riparte da un esperimento già iniziato 
nel Naif Tour e nel Naif Club Tour: 
MALIKA AYANE presenterà gli stessi brani in modi completamente diversi, mescolando elementi di arrangiamento e andando verso strade apparentemente diversissime eppure fatte della stessa anima. 
I concerti nei teatri saranno caratterizzati da suoni morbidi e pieni, con una ricerca di sonorità finalizzata ad avvicinare i brani di repertorio a quelli inediti; sul palcoscenico MALIKA sarà accompagnata da: 
Daniele Di Gregorio alla marimba, Carlo Gaudiello al piano, Marco Mariniello al basso, Nico Lippolis alla batteria e Jacopo Bertacco alla chitarra. 
I live nei club saranno caratterizzati dagli stessi brani ma riportati allo scheletro, con una concezione più ruvida ed essenziale; 
sul palco, in questa versione, la cantautrice milanese al synth, 
Jacopo Bertacco alla chitarra, Nico Lippolis alla batteria.



Le date:


18 gennaio Modugno (Ba), New Demodè Club - Annullato
23 gennaio Catania, Teatro Metropolitan
24 gennaio Palermo, Teatro Golden
1 febbraio Varese, Teatro Openjobmetis
8 febbraio Brescia, LattePiu' Live
9 febbraio Brescia, Dis_Play
17 febbraio Taneto di Gattatico, Fuoriorario 





CORE FESTIVAL 2019 



Core Festival Aperol Spritz 
7-8-9 GIUGNO2019 TREVISO


Home presenta 

LA LINE-UP DI CORE FESTIVAL APEROL SPRITZ: SALMO, CALCUTTA, MÅNESKIN, GEMITAIZ, ACHILLE LAURO, EMIS KILLA, GHEMON 
E MOLTI ALTRI

Svelata la line up di “Core Festival Aperol Spritz”, 
la tre giorni di musica e arte che si terrà a 
Treviso in Zona Dogana dal 7 al 9 giugno. 
Sul palco anche I PINGUINI TATTICI NUCLEARI, LUCHÉ, MYSS KETA, KETAMA126 e la storica band resident RUMATERA.

“Core Festival Aperol Spritz”, la tre giorni di musica ed eventi 
organizzata da Home che si svolgerà nella Zona Dogana di Treviso 
dal 7 al 9 giugno
Ecco finalmente svelata la rosa dei main artist che farà 
battere i cuori degli homies: 

Salmo, Calcutta, Måneskin, Gemitaiz, 
Achille Lauro, Emis Killa e Ghemon.

Nome di punta della scena rap è Salmo, il rapper di Olbia capace di riempire i palasport. Il suo ultimo album Playlist ha conquistato le vette delle classifiche di vendita e di ascolto sulle principali piattaforme digitali, l’album è certificato doppio disco di platino e ha registrato su Spotify (Italia) il maggior numero di stream in 24h (9.956.884) nel giorno dell’uscita e il maggior numero di stream in una settimana (43.882.595). Inoltre, è la prima volta che un artista italiano si colloca nella Global Chart di Spotify con 8 brani. Il 2019 lo vedrà impegnato nel “Playlist Tour”, con uno show tra teatro e concerto dal taglio urban che vi stupirà.

Calcutta è il fenomeno indie pop italiano che colleziona un sold out dopo l’altro, e si esibirà il 7 giugno. Pseudonimo di Edoardo D’Erme, Calcutta è un giovane cantautore di Latina, classe 89, che ha raggiunto la fama grazie al singolo Cosa mi manchi a fare, primo estratto dall’album Mainstream (2015), seguito da Gaetano, Frosinone e il disco d’oro Oroscopo, il cui video ha raggiunto un milione di visualizzazioni su YouTube nel giro di un mese. A distanza di due anni, il 25 maggio scorso è uscito Evergreen, anticipato dai tre singoli Orgasmo, Pesto e Paracetamolo, album che ha subito conquistato il primo posto della classifica Fimi.

Non poteva di certo mancare la band rivelazione dell’anno, i Måneskin
che con l’ep d’esordio Chosen (2017) hanno conquistato un disco di platino e, 
a seguire, il doppio disco di platino con l’omonimo singolo. I Måneskin sono quattro ragazzi originari di Roma tra i 18 e i 20 anni, Damiano (cantante), Victoria (bassista), Thomas (chitarrista) ed Ethan (batterista) che spopolano col loro mix di rock-pop con sfumature funk, reggae e ska. Dopo aver aperto il concerto milanese degli Imagine Dragons a settembre 2018, nello stesso mese presentano il singolo “Torna a casa” che ottiene il triplo disco di platino, a cui segue ad ottobre l’uscita del loro primo album “Il ballo della vita”, già certificato doppio platino.

Ad arricchire il fronte hip hop arriva il rapper romano Gemitaiz, pseudonimo di Davide De Luca, attivo dal 2003 con l’etichetta Tanta Roba. Il secondo album Nonostante tutto (2016) ha debuttato in prima posizione nella Classifica FIMI Album e certificato dalla stessa come disco d’oro; l’anno scorso vede la luce l’album Davide impreziosito da svariate collaborazioni con artisti del calibro di Gué Pequeno (con il quale ha inciso il terzo singolo Tanta Roba Anthem), MadMan, Fabri Fibra e Coez.

Ancora a tutto rap con Achille Lauro, l’artista romano classe 1990 sin da subito elogiato dalla scena rap nazionale con il primomixtape “Barabba” (2013). Da lì una ascesa al successo grazie al primo album Dio c’è (2015), seguito da Ragazzi madre l’anno dopo e il recente Pour l’amour. Lauro sarà inoltre protagonista alla 69° edizione del Festival di Sanremo in gara con il brano “Rolls Royce” e in primavera uscirà per Sony Music Italy il suo nuovo disco di inediti che lo impegnerà nell’“Achille Lauro Live 2019”, un tour che lo porterà in tutta Italia.

Giunge poi Emis Killa, artista con oltre 25 certificazioni tra dischi d’oro e platino, oltre 3.000.000 fan sui social, più di un milione di iscritti al canale Youtube, oltre due milioni di ascoltatori mensili su Spotify, con all’attivo un successo editoriale con il suo libro “Bus 323. Viaggio di sola andata”, conduttore televisivo e radiofonico. Il 29enne milanese è fresco del quarto album in studio “Supereroe” per la Carosello Records (2018) certificato disco d’oro, col quale ha debuttato al primo posto delle classifiche, piazzando cinque canzoni nelle prime 50 posizioni della classifica dei singoli.

Presente infine anche Ghemon, cantautore italiano tra i big selezionati per il Festival di Sanremo 2019 con il “collega” Achille Lauro. Sulla scena musicale da quasi vent’anni, Ghemon ha pubblicato cinque dischi d’inediti, tra cui l’ultimo Mezzanotte, uscito nel 2017, che contiene successi come Un temporale, Bellissimo e la title track Mezzanotte.

Ma non finisce qui. Ad infiammare il palco di Core Festival Aperol Spritz ci sono anche il rapper LUCHÉ, la misteriosa MYSS KETA, KETAMA126, I MIEI MIGLIORI COMPLIMENTI e gli immancabili amici RUMATERA. E poi, SXRRXWLAND, DUO BUCOLICO, BRUNO BELISSIMO, JOLLY MARE, il dj set di LEO PARI, l’autore DAVIDE PETRELLA, il pop stravagante di AURORO BOREALO, NOSTROMO,CHRISTIAN EFFE, FOSCO17, DOLA, FUERA, COSTIERA 
(con il disco d’esordio Rincorsa) e il duo trevigiano LEE ODIA.

Nell’anno del suo centesimo anniversario, Aperol Spritz rafforza il proprio sodalizio con Home Entertainment diventando “title sponsor” 
della prima edizione di “Core Festival Aperol Spritz”.

Lo storico aperitivo nato a Padova nel 1919 sceglie così di affiancare il proprio nome a un grande evento musicale, unico nel panorama italiano, che farà della qualità il suo tratto distintivo e che si confermerà come una vetrina d’eccellenza per il Veneto a livello internazionale. Oltre a essere accomunati dal territorio di origine, Aperol Spritz e la manifestazione trasmettono gli stessi valori positivi di condivisione e divertimento genuino aperto a tutti, unendo e creando connessioni tra le persone.

L’area del nuovo boutique festival è la stessa che per nove anni ha ospitato Home Festival, rimangono inalterati i metri quadri e l’organizzazione logistica, dalla zona food & beverage a quella degli espositori e degli show. I palchi saranno cinque e il main stage pulserà di un nuovo concept grafico. “Ci stiamo mettendo tutto il nostro “core” – spiegano gli organizzatori – perché questa nuova creatura riesca a toccare i vostri cuori.”.



CORE FESTIVAL APEROL SPRITZ
Line Up


Venerdì 7 Giugno
CALCUTTA
GHEMON – PINGUINI TATTICI NUCLEARI – 
MYSS KETA - I MIEI MIGLIORI COMPLIMENTI – BRUNO BELISSIMO 
AURORO BOREALO -COSTIERA – JOLLY MARE dj set


Sabato 8 Giugno
SALMO – GEMITAIZ
ACHILLE LAURO – LUCHÉ – KETAMA126  
RUMATERA - SXRRXWLAND – DOLA – FUERA


Domenica 9 Giugno
MÅNESKIN – EMIS KILLA
LEO PARI & FRIENDS – DUO BUCOLICO – DAVIDE PETRELLA  
NOSTROMO – FOSCO17 – LEE ODIA



Informazioni e ticket su www.corefestival.it

Biglietti disponibili sui circuiti Ticketmaster, Ticketone e Do It Yourself.



Sabato 19 gennaio alle 21 al teatro Serassi di Villa d’Almè Osvaldo Ardenghi presenterà il suo nuovo cd “Leggero vento”.


Sabato ci sarà la presentazione ufficiale al pubblico del quarto album da solista per questo poliedrico artista bergamasco attivo da quattro decenni sulla scena musicale e teatrale italiana. Osvaldo Ardenghi nasce artisticamente nel 1982 come chitarrista rock, proseguendo la sua attività fino al 1994, data in cui Enzo Jannacci lo scopre come comico dando vita ad una stretta collaborazione ventennale senza mai abbandonare il mondo musicale. “Leggero Vento” è stato registrato in presa diretta nell’Aprile del 2018, ed è composto da dieci brani originali di Ardenghi e co-prodotto da Simonetta Trognoni. 

Gli arrangiamenti sono stati realizzati dal maestro Roberto Martinelli (già collaboratore di Giorgio Gaslini, Gino Paoli, Alberto Fortis, Zucchero)

Si esibiranno: Osvaldo Ardenghi (voce), Roberto Martinelli (clarinetto), Daniele Moretto (tromba), Alessio Nava (trombone), Maurizio Signorino (sax); Simonetta Trognoni (sax); Piero Orsini (basso); Emilio Foglio (chitarra), Valerio Baggio (piano e hammond), Filippo Acquaviva (batteria) e Veronica Sbergia (cori). Direttore artistico Roberto Martinelli.

La prevendita è attiva a: Bergamo musica record store in via Nazionale, 34 a Seriate – tel. 0354520121; e a West Point Record in via Papa Giovanni XXIII, 69 ad Almè – tel. 035541150.

Per prenotarsi contattare Simonetta Trognoni (cell. 3335893936 – email ruvido17@gmail.com).

Produzione di Simonetta Trognoni.

Parte dell’incasso sarà devoluta all’associazione Moya Moya.
GOOD CHARLOTTE


GOOD CHARLOTTE 
3 FEBBRAIO 2019 

L’ATTESISSIMO RITORNO IN ITALIA DI UNA DELLE BAND 
CHE HANNO SCRITTO LA COLONNA SONORA DEGLI ULTIMI 15 ANNI



I Good Charlotte sono finalmente pronti a ritornare in Italia, e tornano in grande stile come solo loro possono fare. La band dei fratelli Madden sarà nel nostro Paese per un’unica attesissima data domenica 3 febbraio 2019 all’Alcatraz di Milano, ma non è tutto: il gruppo ha anche annunciato l’uscita di un album nuovo di zecca, Generation RX, il 14 settembre. Il concerto sarà quindi un’occasione unica di rivedere la band all’opera e di ascoltare le esplosive canzoni del nuovo disco.

Formatisi a metà anni ’90, i Good Charlotte hanno letteralmente sollevato di peso il pop punk, contribuendo in maniera decisiva a portare il genere alle grandi masse radiofoniche e televisive. Già il disco d’esordio self-titled Good Charlotte, del 2000, contiene hit quali Little Things e Festival Song, ma è con The Young and the Hopeless del 2002 che la band viene catapultata nel mondo delle star musicali. Canzoni come The Anthem e Lifestyles of the Rich & Famous entrano da subito nell’immaginario collettivo, diventando la colonna sonora quotidiana di milioni di ascoltatori dai primi anni 2000 fino ai giorni nostri.

Il successo planetario della band non fa che crescere. Con The Chronicles of Life and Death (2004) i Good Charlotte raggiungono vette sempre più elevate sfondando ogni porta del mainstream grazie a hit come I Just Wanna Live o We Believe: tanto quest’album come il successivo Good Morning Revival (2007) diventano ben presto più volte dischi di platino. Dopo l’uscita di Cardiology nel 2010, la band decide di prendersi una pausa per concentrarsi sui propri impegni personali. “Siamo cresciuti facendo parte della band sin da ragazzini e quindi per tutta la nostra vita non abbiamo fatto altro che suonare. Avevamo tutti bisogno di prenderci una pausa per capire che persone fossimo al di fuori della band e per crescere e maturare a livello personale”, ha dichiarato in merito il chitarrista Benji Madden.

Benji e il fratello Joel lanciano un proprio progetto musicale, The Madden Brothers, e al contempo collaborano con alcune delle band pop punk più in vista del momento (su tutte, i 5 Seconds of Summer) come compositori e produttori. La voglia di rimettersi in gioco però è più forte di qualsiasi cosa: nel 2015 Benji e Joel Madden decidono di mettere fine al periodo di pausa, e a inizio 2016 i Good Charlotte compiono il grande ritorno con il disco Youth Authority, prodotto dal guru del rock moderno John Feldmann.

Il ritorno della band è accolto entusiasticamente, come testimoniano le recensioni di Youth Authority e ancora di più il successo dei tanti tour che i Good Charlotte intraprendono, suonando anche nei maggiori festival americani ed europei. Sull’onda del successo, la band sigla un accordo con l’etichetta BMG per la pubblicazione di Generation RX, il nuovo album dei Good Charlotte, uscito il 14 settembre 2018, seguito da un tour europeo che porterà la band nelle principali piazze del continente fra cui l’unica data italiana di Milano.

Gli Sleeping with Sirens, nati in Florida nel 2009, hanno contribuito in maniera fondamentale alla scena post-hardcore con i propri primi dischi, tanto che album come With Ears to See and Eyes to Hear (2010) e Let’s Cheers to This (2011) sono considerati delle pietre miliari del genere. Con Feel (2013) la band ha trovato anche la consacrazione commerciale, riuscendo a debuttare al terzo posto della classifica Billboard degli album più venduti. Il successo ha permesso alla band di espandere il proprio sound e il proprio pubblico con i successivi Madness (2015) e Gossip (2017), nei quali il gruppo ha anche esplorato sonorità pop rock.

I Boston Manor sono fra le giovani band più in crescita negli ambienti emo/pop punk. Messi sotto la propria ala protettrice da Pure Noise Records fin dai loro esordi, i cinque ragazzi di Blackpool hanno debuttato con Be Nothing nel 2016. Spinto dal memorabile singolo Laika, l’album ha fatto breccia nel cuore di decine di migliaia di fan della scena underground, preparando il terreno per l’arrivo di Welcome to the Neighbourhood, il secondo album, pubblicato a settembre 2018. Sul disco si nota la sapiente mano del produttore Mike Sapone, coartefice dei successi di un pilastro della scena come i Brand New: i Boston Manor si presentano con un sound più maturo e rinnovato, in un album che tutte le principali riviste del settore hanno già decretato fra i migliori del 2018.

Di seguito i dettagli della data:

GOOD CHARLOTTE
+ Sleeping with Sirens 
e Boston Manor 
+ The Dose



3 febbraio 2019
ALCATRAZ | MILANO
Ingresso: 35,00 € + d.d.p.




Ron


Ron

Lucio a teatro!

23 Gennaio 2019
Teatro Toniolo Mestre



Nell’anno del suo 75esimo compleanno, Ron  porta in teatro l’omaggio all’amico Lucio Dalla, a cui è stato legato da un lungo sodalizio artistico. 
Il concerto sarà l’occasione per celebrare, a poco più di sei anni dalla scomparsa, il talento di uno dei maggiori fenomeni musicali dell’Italia contemporanea, capace di farsi ricordare per sempre dai fan e dal panorama musicale e artistico del nostro Paese.
Oltre al brano Almeno pensami presentato a Sanremo 2018, proporrà molti successi intramontabili di Dalla- tra cui Tu non mi basti mai, Canzone e Attenti al lupoAnimaAnna e MarcoFuturaHenna e altri celebri brani del cantante bolognese, rivisti e riarrangiati con sonorità vicine al mondo Ron, senza per questo snaturarne l’originale bellezza. Nel corso del concerto, inoltre, Ron ripercorrerà i mille volti della carriera di Lucio Dalla, svelando aneddoti e storie inconsuete legate alla vita del cantautore in uno spettacolo ricco di emozioni.



Rosalino Cellamare, in arte Ron (Dorno, 13 agosto 1953), è uno dei più importanti e amati cantautori italiani. La sua carriera inizia nel 1970 quando, non ancora diciassettenne, sale sul palco del Festival di Sanremo con "Pa’ diglielo a Ma’", conquistando da subito notorietà e favore del pubblico.

Negli anni ‘70, Rosalino mette le basi per la sua carriera: l’amicizia e la collaborazione con Lucio Dalla (si deve a lui anche la scelta del nome Ron), la stesura delle prime musiche (di Ron e Lucio, ad esempio, è “Piazza Grande”, che Dalla porterà a Sanremo nel 1972), gli album sperimentali, i concerti impegnati (tra cui il celebre “Banana Republic”, con Dalla e De Gregori nel 1979) e una parentesi nel cinema (“Lezioni private”, “In nome del Papa Re”, “L’Agnese va a morire”, “Turi e i Paladini”, “Mascagni”) formano l’artista e lo lanciano definitivamente nel mondo della musica italiana.
Nel decennio successivo, grazie ad album di successo come “Una città per cantare”, “Al centro della musica” e “Guarda chi si vede” (contenente “Anima”, canzone vincitrice del Festivalbar del 1982), Ron diventa uno degli artisti italiani più amati e consolida il suo successo tra gli addetti ai lavori ed il grande pubblico, tanto che, nel 1986, il regista Mario Monicelli inserisce nel suo "Speriamo che sia femmina” la fuga di casa delle protagoniste proprio per assistere ad un concerto dell’artista.
Tra il ’90 e il ’96 nascono alcune sue canzoni entrate di diritto nella storia della musica italiana, come “Attenti al lupo”, “Non abbiam bisogno di parole”, “Le foglie e il vento” e "Vorrei incontrarti fra cent’anni”, con la quale vince, sul palco con Tosca, il 46° Festival di Sanremo.
Seguono anni in cui le collaborazioni con altri artisti, la voglia di mettersi in gioco e l’impegno nel sociale segnano significativamente la produzione di Ron, a cominciare dall’album “‘70/’00”, in cui duetta con amici e colleghi conosciuti durante il corso della sua carriera, passando dal “Fab Four tour” dell’estate del 2002 con Fiorella Mannoia, Pino Daniele e Francesco De Gregori, sino ad arrivare nel 2006 al cd “Ma quando dici amore” (i cui proventi furono devoluti a favore dell’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica per la lotta contro questa terribile malattia neurodegenerativa) e, nel 2008, a "Quando sarò capace d’amare”.
Dopo cinque anni dall’ultimo lavoro discografico e tanta contaminazione anglo - americana, Ron ritorna nel 2013 con “Way Out”,offrendo con esso le sonorità e l’atmosfera della musica che da sempre ama e ascolta. L’anno dopo, il 2014, è la volta del successo di pubblico del brano “Un abbraccio unico” , presentato al Festival di Sanremo e contenuto nell’omonimo album.
A dieci anni da quel primo album di duetti e d’impegno contro la SLA, nel 2016 Ron esce con "La forza di dire sì”, doppio cd contenente 24 duetti e 2 canzoni inedite, i cui proventi saranno anche questa volta devoluti alla ricerca contro la Sclerosi Laterale Amiotrofica.
Nel 2017, dopo la partecipazione a Sanremo, viene ripubblicato l'album “La forza di dire sì” al quale vengono aggiunti due inediti:“L' ottava meraviglia” e “Ai confini del mondo”.
Nel 2018, Ron partecipa al 68° Festival di Sanremo con il brano inedito di Lucio Dalla "Almeno Pensami” dove vince il premio della critica"Mia Martini”, classificandosi al quarto posto. Segue l'uscita dell'album "Lucio!", un omaggio all'amico Lucio Dalla attraverso la reinterpretazione di 12 tra le sue canzoni più amate, che Ron trasforma in uno spettacolo che porta in giro nei migliori teatri.




URIAH HEEP


URIAH HEEP

GIOVEDÌ 31 GENNAIO
NEW AGE TREVISO



il ritorno della rock band inglese!

URIAH HEEP tornano con il botto: 

il 14 settembre è uscito il loro 




e la storica rock band inglese si prepara a salire sui palchi 
di tutta Europa con il nuovo tour!


La band arriverà in Italia per ben quattro appuntamenti 

assolutamente da non perdere…

Ecco di seguito i dettagli delle date Italiane:

URIAH HEEP

New Age Club
01.02 LAGUNDO (BZ), Peter Tahlgutehaus
02.02 CESENA, Vidia
03.02 TREZZO SULL’ADDA (MI), Live Club

Prezzo del biglietto in prevendita: € 30,00 + dp
Prezzo in cassa la sera dello show: € 35,00



MOTOR BIKE EXPO 2019


FOTO RRREMIREALROCK



MOTOR BIKE EXPO 

VERONA 2019


Motor Bike Expo è un evento riconosciuto 
come il più importante e prestigioso al mondo 
per la moto personalizzata. 
Raduna a Verona oltre 167.000 visitatori, superandosi anno dopo anno e confermandosi 
cuore pulsante del panorama 
motociclistico internazionale. 
Un appuntamento di riferimento per i più importanti brand del settore motociclistico che spaziano dalle Special allo Sport, coinvolgendo anche il mondo 
dell’Off-Road e del Turismo.




PROGRAMMA
PROGRAMMA 2019



GIOVEDÌ 17 GENNAIO

09.00
Apertura al pubblico
09.00
Workshop - Motor Bike Education
Sala Bellini - Centro Congressi Arena
09.30
Workshop - Motor Bike Education
Sala Puccini - Centro Congressi Arena
09.30
Workshop - Motor Bike Education
Sala Rossini - Centro Congressi Arena
11.00
Inaugurazione Motor Bike Expo 2019
Main Stage - padiglione 1
19.00
Chiusura Prima Giornata

VENERDÌ 18 GENNAIO

09.00
Apertura al pubblico
09.00
Workshop - Motor Bike Education
Sala Bellini - Centro Congressi Arena
09.30
Workshop - Motor Bike Education
Sala Puccini - Centro Congressi Arena
09.30
Workshop - Motor Bike Education
Sala Rossini - Centro Congressi Arena
11.00
MWC Misano World Circuit - presentazione programma 2019
Pad. 6 - stand 16L
14.00
Ass. Bikers Cologno al Serio - proiezione docufilm "Festa Bikers"
Sala Puccini - Centro Congressi Arena
15.00
FMI - Conferenza stampa settore Fuoristrada e Mototurismo
Sport Stage - padiglione 7
16.30
OSM - presentazione moto "La Veloce"
stand OSM pad. 1 - 6g
17.00
Motoxracing - presentazione scuola Ladyxracing
Sport Stage - padiglione 7
19.00
Chiusura seconda giornata

SABATO 19 GENNAIO

09.00
Apertura al pubblico
10.00
METZELER - premiazione contest Metzeler
Main Stage - padiglione 1
10.00
Progetto Vivere la Moto - Tavola rotonda sulla sicurezza stradale
Sala Puccini - Centro Congressi Arena
10.30
Motoxracing - premiazione Trofeo R1 Cup e presentazione stagione 2019
Sport Stage - padiglione 7
12.00
MBE Award
Main Stage - pad. 1
12.00
Gentlemen's MC - premiazione Trofeo Italia Naked Zone
Sport Stage - padiglione 7
13.00
FMI - presentazione calendari Turismo
Sport Stage - padiglione 7
14.00
Area Dakar MBE - presentazione
area Dakar pad. 7 - 7ad
14.00
FMI - Premiazione CIV premi speciali e presentazione CIV edizione 2019
Sala Rossini - Centro Congressi Arena
14.30
Team Pedercini Racing - unveiling della moto 2019
Sport Stage - padiglione 7
15.00
Roberto Parodi - presentazione del nuovo libro
Main Stage - padiglione 1
16.00
GRT Yamaha Team - presentazione Team WSBK
Sport Stage - padiglione 7
16.00
Ferro - premiazione bike show "Ferro dell'anno"
pad.4 - 16B stand Ferro Magazine
16.00
FXR Dyna Show - premiazione del contest
stand FXR pad. 3 - 16q
16.30
Kanaloa Viaggi - presentazione
Main Stage - padiglione 1
17.30
AG Motorsport - premiazione Yamaha R125 Cup
Sport Stage - padiglione 7
17.30
Area 51 - presentazione trofeo drifting King of Italy
Sala Puccini - Centro Congressi Arena
19.00
Chiusura terza giornata

DOMENICA 20 GENNAIO

09.00
Apertura al pubblico
10.00
Motoxracing - premiazione Dunlop Cup e presentazione stagione 2019
Sport Stage - padiglione 7
11.00
FMI - premiazione Epoca 2018 e conferenza stampa
Sala Puccini - Centro Congressi Arena
11.30
MC Motolampeggio - premiazione Trofeo Italiano Amatori
Sport Stage - padiglione 7
13.00
Progetto Vivere la Moto - arrivo nel quartiere fieristico di "concentrazione Vivere la Moto"
Quartiere Fieristico
13.30
Suryanation Motorland - premiazione Custom Contest
Main Stage - padiglione 1
14.30
Premiazione contest "Magazine Award"
Main Stange - padiglione 1
16.00
Low Ride - premiazione bike show Top 20
Main Stage Pad. 1
19.00
Chiusura della manifestazione



Sting



Sting 

Estate Live a Padova,
Sting il primo nome.
Il concerto all'Arena Live il 30 luglio



Il tour europeo di Sting, My Songs, partirà la prossima estate con show e concerti in festival prestigiosi. Sting farà tappa in Italia il 30 luglio a Padova all'Arena Live @ Gran Teatro GEOX. 



Il tour europeo di Sting, My Songs, partirà la prossima estate con show e concerti in festival prestigiosi. Sting farà tappa in Italia il 30 luglio a Padova all'Arena Live @ Gran Teatro GEOX.

"My Songs sarà un tour dinamico e divertente che si concentrerà sulle canzoni più amate scritte dall'artista durante la sua prolifica carriera come solista e frontman dei Police, costellata di successi e premi tra cui 16 Grammy Awards. 

I fan avranno modo di sentire hit come "Englishman in New York", "Fields of Gold", "Shape of My Heart", "Every Breath You Take", "Roxanne",
 "Message in a bottle" e tante altre...
"Sting suonerà come sempre accompagnato dalla sua band.


Compositore, cantante, attore, autore e attivista – Sting è nato a Newcastle (Inghilterra) e si è trasferito a Londra nel 1977; lì ha formato i Police insieme 

a Stewart Copeland e Andy Summers. La band ha pubblicato cinque album,
 ha vinto 6 Grammy, 2 Brits e nel 2003 è stata inserita nella 
Rock and Roll Hall of Fame.


Sting






29 luglio al Lucca Summer Festival 
30 a Padova all’Arena Live @ Gran Teatro GEOX.

Sting ha ricevuto come solista 10 Grammy, 2 Brits, 1 Golden Globe, 1 Emmy, 4 nomination agli Oscar (incluso quella per "The Empty Chair" nel 2017), una nomination ai TONY, il Century Awards di Billboard Magazine e il MusiCares Person of the Year nel 2004. È inoltre membro del Songwriters Hall of Fame e nel 2014 ha ricevuto il Kennedy Center Honors, uno dei riconoscimenti più prestigiosi negli Stati Uniti e il Polar Music Prize. Sting è stato inoltre insignito del Dottorato in Musica dall'Università di Northumbria (1992), del Berklee College of Music (1994), University of Newscastle upon Tyne (2006) e Brown University durante la 250esima Cerimonia di consegna dei diplomi. Sting è famoso per il suo supporto ad organizzazioni per i diritti umani, come la Rainforest Fund, Amnesty International e Live Aid. Insieme alla moglie Trudie Styler, Sting ha fondato la Rainforest Fund nel 1989, per proteggere le foreste pluviali del mondo e le popolazioni indigene che ci vivono. L'artista ha tenuto 18 concerti benefici per sensibilizzare e raccogliere fondi per le risorse a rischio del nostro pianeta. Dalla sua nascita, la Rainforest Fund è cresciuta creando una rete di organizzazioni interconnesse che operano in oltre 20 paesi di tre continenti.










APERTURA STRAORDINARIA IL 26 DICEMBRE PER IL NATALE DA FAVOLA A GENAZZANO 
Migliaia di visitatori sono attesi a Genazzano nell'ultimo weekend prima di Natale e per l'apertura straordinaria del 26 dicembre: spettacoli per bambini, la casa di Babbo Natale, gli zampognari e, per la giornata del 23, anche gli sbandieratori di Carpineto Romano!

Nel caratteristico borgo medioevale di Genazzano, in provincia di Roma, continua il Natale da favola con eventi, spettacoli per grandi e piccoli, mercatini, punti ristoro, la pista di pattinaggio sul ghiaccio, la casa di Babbo Natale, l'ufficio postale magico, gli elfi e i personaggi delle favole. 
L'intera città, già nota per l'Infiorata che richiama annualmente migliaia di turisti da ogni parte d'Italia e del mondo, si è vestita già a festa portando allegria, colori e l'atmosfera tipica delle feste natalizie in ogni piazza, nelle vie del centro storico e dentro il castello.
L'evento, promosso dall'amministrazione comunale e dalla Pro Loco, in collaborazione con Ford Car Service Colleferro e MoViTer Genazzano, proporrà momenti di intrattenimento e animazione per tutta la famiglia, e promuoverà eventi per tutto il periodo fino al 6 gennaio, ogni sabato e domenica. 
IL PROGRAMMA DEGLI SPETTACOLI E.. NOVITA', LA MAGIA!- Si riparte nel prossimo week end con gli spettacoli per bambini con una cadenza di 5 repliche al giorno per ogni singola rappresentazione in diversi orari: 11,30, 12,30, 15,30, 17,00 e 18,30. Sabato 22 gli zampognari e domenica 23 dicembre gli sbandieratori di Carpineto Romano sfileranno per le vie della città. 
Dopo questo week end, l'ultimo con la presenza al Castello di Babbo Natale prima dell'arrivo della Befana, ci sarà l'apertura straordinaria del 26 dicembre con la rappresentazione di "Biancaneve: Selfie, Amore e Fantasia".
Il calendario completo degli spettacoli, che proseguiranno fino al 6 gennaio, è sulla pagina facebook Natale a Genazzano e sul sito internet www.nataleagenazzano.it
L'ingresso al Castello rimane gratuito per i bambini fino a 3 anni, ridotto a 5 euro fino ai 12 anni, mentre 10 euro è il costo dei biglietti interi per adulti e bambini sopra i 12 anni. 
In alcune aree della città sarà possibile lasciare la macchina per raggiungere il Castello a piedi o con delle navette bus, che faciliteranno così l'affluenza dei visitatori. 
Per arrivare a Genazzano, città che dista 45 km da Roma e poco più di 50 da Frosinone, è facilmente raggiungibile percorrendo l'autostrada Roma-Napoli: si può uscire a Valmontone e seguire poi le indicazioni per Cave-Genazzano, e in 10 minuti dal casello si arriva a destinazione.

Per contatti:
Pagina Facebook: Natale a Genazzano
Sito Internet: www.nataleagenazzano.it
Infoline: 350.5873298 - 350.5873407

KING CRIMSON


CELEBRATING 50 YEARS


I King Crimson celebreranno nel 2019 il 50° anniversario del gruppo e quale modo migliore, per la leggendaria band capitanata da Robert Fripp, se non un tour mondiale che li vedra’ toccare tre continenti e calcare i palchi dei maggiori festival ed arene estive. 

Location esclusive ospiteranno gli show italiani: 

l’Arena di Verona 
la Palazzina di Caccia a Nichelino  
l’Arena Santa Giuliana di Perugia 

luoghi magici che creeranno, insieme alla musica 
dei King Crimson, un’atmosfera unica. 





Robert Fripp – chitarra, mellotron, guitar synth, soundscapes, 
pianoforte elettrico, tastiera (1969-presente)
Tony Levin – basso, Chapman Stick, sintetizzatore 
(1981-1997, 2003-presente)
Pat Mastelotto – batteria (1994-presente)
Gavin Harrison – batteria (2008-presente)
Mel Collins – sassofono, flauto, fiati, mellotron, cori 
(1970-1972, 2013-presente)
Jakko Jakszyk – chitarra, voce (2013-presente)
Jeremy Stacey – batteria, tastiera, cori (2016-presente)
Bill Rieflin – batteria (2013-2015), tastiera (2013-2015, 2017-presente)


Da quando, nel 2014, la band e’ tornata ad esibirsi dal vivo, con show acclamati dalla critica che hanno fatto registrare il sold out in tutto il mondo inclusi 2 incredibili concerti nell’Anfiteatro degli Scavi di Pompei, già casa dei Pink Floyd, il pubblico è stato reinventato, tanto quanto la band stessa:
"A Pompei, una grande percentuale del pubblico era composta da giovani coppie; i King Crimson sono entrati nel mainstream in Italia. Ho camminato sul palco sapendo che la posizione di questa band nel mondo aveva cambiato livello." Robert Fripp

Con il cinquantesimo anniversario, pare che un pubblico più ampio sia finalmente pronto ad accogliere i King Crimson. Un processo che è cominciato quando Kanye West ha usato un sample di "21st Century Schizoid Man" per la sua hit "Power" del 2010 e adesso vede la loro canzone "Starless" come colonna sonora delle scene di apertura nel nuovo film del 2018 di Nicholas Cage, "Mandy".
I concerti di tre ore serrate della band includono materiale proveniente da dodici dei loro tredici album in studio, tra cui molte canzoni dal loro capolavoro del 1969, "In The Court Of The Crimson King". La nuova line-up di otto membri suona molti pezzi storici che i Crimson non hanno mai suonato dal vivo, così come nuovi arrangiamenti di classici dei Crimson. - "la musica è nuova, in qualunque momento sia stata scritta." Ci sono anche nuovi bani strumentali e nuove canzoni, così come le composizioni dei tre batteristi, Pat Mastelotto, Gavin Harrison e Jeremy Stacey, uno dei momenti salienti dei concerti. Uno show unico, dove otto dei migliori musicisti del mondo suonano musica senza distrazioni od ornamenti.

Ecco quello che la stampa ha scritto riguardo al loro tour :

"Jimi Hendrix li ha visto al Marquee nel 1969 e ha dichiarato che fossero la miglior band del mondo. Sotto molti punti di vista, dopo circa mezzo secolo, lo sono ancora."
- ERIC THIESSEN, All About Jazz

"Fripp e la sua band hanno offerto una performance impeccabile in due parti. Nessuna melodia, nessuna lungaggine, solo musicisti al meglio della loro arte."
- IAN BUSSIÈRES La Presse, Quebec.

"L'unicità di vedere ciascuno di questi esperti musicisti all'opera è praticamente indescrivibile e deve essere una cosa da provare live per abbracciare completamente la loro visione - immaginatevi otto maestri pittori al lavoro ognuno con il proprio stile ma su una tela comune e comincerete ad avere un'idea della cosa "
- WE HEART MUSIC, Minneapolis

"Nella nostra ultima sera al festival, siamo stati testimoni di un concerto che ha inevitabilmente provato di esserne il piatto forte... La miscela di stati d'animo, melodia, aria e atmosfera ha incantato il pubblico che ha risposto con frequenti standing ovation." – LEE ZIMMERMAN, Goldmine Magazine