MARILLION 

MARILLION 


I Marillion, la più grande band della seconda generazione del prog-rock 
made in England, torneranno a suonare nel Regno Unito e in Europa nel 2019 per festeggiare il 40esimo anniversario di onorata carriera! 
Accompagnati da ensemble di eccellenti musicisti classici, 

saranno in Italia per due imperdibili date.

12 dicembre Roma, Auditorium Conciliazione
13 dicembre Padova, Gran Teatro Geox


Photo RRRemi



Gli spettacoli saranno impreziositi dalla presenza, sul palco, 

di elementi orchestrali di grande esperienza e talento: il quartetto d'archi 
"In Praise of Folly", oltre a Sam Morris al corno francese ed Emma Halnan al flauto. Con questo stesso ensemble i MARILLION si sono esibiti, nel dicembre del 2017, alla Royal Albert Hall di Londra, in un concerto che è andato sold out a pochissime ore dall’annuncio e che è stato definito dal pubblico e dagli addetti ai lavori "uno dei migliori nella storia della band". 
“All One Tonight. Live at the Royal Albert Hall” è stato poi pubblicato su DVD, Blu-Ray, CD e Vinile, raggiungendo la vetta delle classifiche in ben cinque Paesi.
I MARILLION suoneranno brani tratti dalla loro quarantennale carriera, senza contare che il 2019 è l’anno delle celebrazioni per i 30 anni di presenza del frontman Steve Hogarth nella band! «Sono passati davvero 30 anni? ha dichiarato Hogarth, aggiungendo: Steve Rothery mi ricorda che ricorre anche il suo 40esimo anniversario, quindi si tratta di una doppia celebrazione! Aggiungeremo questi sei meravigliosi musicisti alla band per l'intero tour: sono splendidi professionisti nonché buoni amici, e abbiamo già dato prova della chimica che abbiamo insieme sul palco



Angelo Branduardi Tour 2020

IL CAMMINO DELL'ANIMA

venerdì 13 dicembre 2019, ore 21:15
Gran Teatro Morato - Brescia

sabato 29 febbraio 2020, ore 21:15
Gran Teatro Geox - Padova

I brani più amati del suo repertorio, da 
"Si può fare" a "Confessioni di un malandrino", 
da "La pulce d'acqua" all'immortale "Alla Fiera dell'Est".


Photo RRRemi 

"Meraviglioso e di grandi suggestioni". In sole poche settimane dalla sua pubblicazione avvenuta lo scorso 4 ottobre, la critica è unanime nell'apprezzare la più recente opera di Angelo Branduardi. Ora "Il Cammino dell'Anima" verrà ora eseguito interamente dal vivo in un tour che toccherà le principali città italiane.

Il concerto, della durata di due ore circa, è idealmente diviso in due parti. La prima parte, introdotta da Angelo Branduardi che è solo sul palco davanti ad un impalpabile velo bianco, è dedicata a "Il Cammino dell'Anima" 
che riprende alcuni temi dell'opera visionaria di Hildegard von Bingen, monaca, reclusa secondo la regola di San Benedetto, fin dall'età di otto anni e poi badessa di Bingen.

Hildegard fu mistica e poeta, musicista, filologa ed erborista, era e rimane ammirata per avere esplorato senza paura il posto dell'anima nel Cosmo e per avergli dato voce con la sua visione musicale unica. Hildegard definì "Sinfonia" il ciclo lirico delle sue opere, per lei l'anima è "sinfonica" e trova la sua espressione nell'accordo segreto di anima e corpo nell'atto musicale, nell'armonia prodotta dal suono degli strumenti e dalla voce umana, nell'armonia celeste e nell'accordo misterioso che viene dal profondo dell'anima.

Questo e molto altro racconterà Angelo per predisporre all'ascolto della lunga suite. Numerosi e visibili sono gli strumenti utilizzati da Angelo e dai suoi musicisti: Fabio Valdemarin (tastiere, chitarra, cori); Antonello D'Urso (chitarre, cori); Stefano Olivato (basso elettrico, contrabbasso elettrico, chitarra, armonica, cori,) Davide Ragazzoni (batteria e percussioni).

Nella seconda parte Angelo Branduardi, in totale solitudine, sempre davanti al velo bianco, propone brani a lui cari come "Tango" (da Pane e Rose, 1988), "Momo's Lied" (1986) colonna sonora dell'omonimo film tratto dal romanzo di Michael Ende. Aperto di nuovo il velo bianco, Angelo Branduardi e i musicisti continuano il cammino spirituale con l'esecuzione di alcune canzoni tratte da "L'infinitamente piccolo" album del 2000 realizzato sulle scritture di San Francesco d'Assisi. In chiusura non possono mancare i successi storici, entrati nella memoria collettiva e nel cuore come, tra gli altri "Cogli la prima mela" "Alla fiera dell'est". L'impianto scenico è essenziale ed efficace. Tagli di luce teatrali e un tetto di lampadine dai toni caldi di luce. Nessun orpello tecnologico.

Solo luce, nuvole bianche di fumo che fanno da discreto contorno alla musica di Angelo Branduardi. 


DE ANDRÉ CANTA DE ANDRÉ


DE ANDRÉ CANTA DE ANDRÉ
Storia di un Impiegato

31 ottobre Catanzaro, Teatro Politeama
29 novembre Padova, Gran Teatro Geox
2 dicembre Catania, Teatro Metropolitan
4 dicembre Roma, Teatro Brancaccio
14 dicembre Pescara, Teatro Massimo
18 dicembre Milano, Teatro Arcimboldi



L’ultimo tour di CRISTIANO DE ANDRÉ – unico vero erede del patrimonio musicale deandreiano – ispirato ai concept album di Faber, torna a smuovere le coscienze a vent’anni dalla scomparsa del suo autore (11 gennaio 1999).Dopo grandi performance collezionate nelle principali città italiane, Cristiano porterà il tour al Gran Teatro Geox di Padova.
Nel tour Cristiano celebra gli indimenticabili brani del padre: “Fiume Sand Creek” e “Don Raffaè”, che hanno affrontato il tema della lotta per i diritti, e altre perle, come “Il pescatore”, contenute nei progetti discografici di grande successo “De André canta De André – Vol. 1” (2009), “De André canta De André – Vol. 2” (2010) e “De André canta De André – Vol. 3” (2017). La regia dello spettacolo, curata da Roberta Lena, è piena di sorprese, dai visual con immagini storiche, ai giochi di luce. 
Cristiano De André sul palco è accompagnato da 
Osvaldo Di Dio, Davide Pezzin, Davide Devito e Riccardo Di Paola.

Photo RRRemi

Racconta Cristiano De André «Dopo che avevo arrangiato l’ultimo concerto del 1998, Fabrizio mi chiese di portare avanti il suo messaggio e la sua memoria. Mi è parsa una bella cosa proseguire il suo lavoro caratterizzando l’eredità artistica con nuovi arrangiamenti, che possano esprimere la mia personalità musicale e allo stesso tempo donino un nuovo vestito alle opere, una mia impronta. Con questo tour voglio risvegliare le coscienze, mio padre diceva che noi cantanti portiamo un messaggio e in questo non posso che appoggiarlo». «Io sono il bombarolo che dorme dentro me, io sono l’esaltazione del parossismo e delle sue declinazioni. Io sono inferno, purgatorio e poche volte paradiso, io sono tutto questo adesso, nel duemila diciotto, tra poltrone e soliti livori, occhi che non dormono ma dormi-vegliano. Io sono un impiegato e per questo sono il terrorista di me stesso» scrive la giovane poetessa Ottavia Pojaghi Bettoni, a proposito della messa in scena di questo live.

Mika 
Revelation Tour


Mika 
Revelation Tour

Mika ha scelto Birthh
in apertura al concerto di Montichiari (BS)


 
Mika
Revelation Tour
sabato 30 novembre 2019, ore 20:30
PalaGeorge - Montichiari (Brescia)

Mika sarà a Padova sabato 1° febbraio 2020, 
presso la Kioene Arena in via S. Marco, 53. 
Prima, sabato 30 Novembre 2019, a Montichiari (BS), PalaGeorge. 
I due concerti sono organizzati e promossi da Barley Arts e Zed

24 novembre Torino, Pala Alpitour
26 novembre Ancona, PalaPrometeo
27 novembre Roma, Palazzo dello Sport
29 novembre Casalecchio Di Reno (Bo), Unipol Arena
30 novembre Montichiari (Bs), PalaGeorge
2 dicembre Livorno, Modigliani Forum
3 dicembre Assago (Mi), Mediolanum Forum
1 febbraio Padova, Kioene Arena
2 febbraio Bolzano, PalaOnda
5 febbraio Napoli, Teatro PalaPartenope
7 febbraio Bari, Palaflorio
8 febbraio Reggio Calabria, Palacalafiore


L'eclettico protagonista di una straordinaria carriera artistica 

(che si è articolata in attività diverse come il design e la partecipazione 
e realizzazione di grandiosi show televisivi come 
Stasera CasaMika e X Factor in Italia e The Voice in Francia) 
ha deciso di riportare il focus totalmente sulla musica.

Photo RRREMI

A dodici anni dal debutto stellare di Life In Cartoon Motion che fu lanciato dalla hit colossale Grace Kelly, il nuovo progetto arriva dopo 4 album in studio, 1 album in concerto sinfonico, 1 raccolta antologica, 23 singoli e 4 DVD live che gli hanno fruttato certificazioni d'oro e di platino in 32 Paesi del mondo per oltre 10 milioni di dischi venduti. Frutto di due anni di scrittura tra le pareti domestiche tra Miami, Londra e la campagna toscana, My Name Is Michael Holbrook ci porterà a scoprire l'essenza dell'identità di Mika, a partire dal suo nome anagrafico, passando per i rapporti familiari e un bagaglio di piccole e grandi esperienze, tra momenti di leggerezza e struggenti episodi chiave della sua vita e della sua famiglia, come spiega Mika stesso:  "Sono andato alla ricerca di chi avrei potuto essere, se non fossi stato Mika. Certi artisti si cimentano con un alter ego artistico, dal grandioso David Bowie con Ziggy Stardust, fino a Beyoncé con Sasha Fierce. Io ho fatto il contrario, sono andato a scoprire l'uomo dietro l'artista."
Da Novembre Mika porterà le nuove canzoni e i suoi straordinari successi in tour, con uno spettacolo in giro per l'Europa. Il Revelation Tour comincia a Londra il 10 Novembre, per proseguire in Spagna, Francia, Italia, Svizzera, Olanda, Belgio e Lussemburgo.

Il tour italiano si articolerà in ben 12 tappe nelle grandi arene di altrettante città, un record per un artista internazionale di grosso calibro. Mika sarà a Padova sabato 1° febbraio 2020, presso la Kioene Arena in via S. Marco, 53. Prima, sabato 30 Novembre 2019, sarà a Montichiari (BS), PalaGeorge. 
I due concerti sono organizzati e promossi da Barley Arts e Zed! 

L'artista condividerà il palco con una super band di 4 grandi musicisti 
Timothy Van Der Kuil (chitarra); Max Taylor (basso); Wouter Van Tornnhout (batteria); Mitchell Yoshida (pianoforte): "Ciascuno suonerà due strumenti. Abbiamo fatto un mese di prove per poter trovare la giusta sintonia e, con questo super concentrato di eccellenti musicisti, non è stato difficile". 
Alcune sonorità del disco saranno usate come sample, invece di essere ricreate sinteticamente sul palco, scelta stilistica che l'artista non ama particolarmente nelle sue performance.

BIRTHH, nome d'arte di Alice Bisi, con il suo primo album di debutto 
"Born in the woods" ha già catturato l'attenzione dei media e del pubblico di tutto il mondo, annoverandosi tra le migliori esponenti emergenti 
dell'alternative pop internazionale.

Il giro proseguirà nella primavera del 2020 negli Stati Uniti, in Canada, Sud America, Giappone, Cina e Korea. "Anche il titolo del tour si collega al mio percorso di ricerca identitaria e – per l'appunto – rivelazione che ho intrapreso in questa nuova avventura artistica. Sto preparando uno spettacolo ricco di sorprese, forte delle esperienze e del bagaglio acquisito con i miei spettacoli televisivi, ma riportando la musica al centro di tutto. In Italia, poi, per me sarà una emozione viaggiare da un estremo all'altro della penisola. Con Stasera CasaMika vi ho invitati tutti a fare festa a casa mia, stavolta sarò io a venire a casa vostra. Verrò bussando alla vostra porta, città per città. Spero mi accoglierete."



DITA VON TEESE



DITA VON TEESE

1 aprile 2020 Milano, Teatro degli Arcimboldi

Dita von Teese
 pseudonimo di Heather Renée Sweet 

(Rochester, 28 settembre 1972), è una modella statunitense e show girl 
del burlesque specializzata in performance fetish softcore.
Definita The Queen of Neo Burlesque, è nota per aver riportato in auge il genere del burlesque negli anni duemila.
Ha scelto il nome d'arte Dita per omaggiare l'attrice tedesca degli anni venti Dita Parlo. Il cognome Von Teese le è stato affibbiato dalla rivista Playboy nel 2002, in quanto necessitava di un cognome per apparire in copertina. Dita scelse dall'elenco telefonico il cognome "Von Treese", ma per errore venne stampato "Von Teese".
Nata a Rochester, nel Michigan, da una famiglia di origini inglesi, scozzesi, armene e tedesche, figlia di un'estetista e di un operaio, sviluppa fin da piccola una particolare passione, influenzata dalla madre, per il cinema e i musical in Technicolor degli anni quaranta. Affascinata dalla Old Hollywood, Dita inizia a immedesimarsi nelle sue dive preferite facendo spesso uso di abbigliamento retró. Iniziò a praticare danza classica, e la sua prima aspirazione fu quella di diventare ballerina. In seguito si servirà di questa preparazione nei suoi spettacoli di genere burlesque, ballando en pointe.
A dodici anni si trasferì nella Contea di Orange, in California, con i genitori e le due sorelle. Da adolescente, la madre la portò a comprare il suo primo reggiseno, di semplice cotone bianco, e le diede un uovo di plastica contenente dei collant color carne. Incredibilmente delusa, iniziò a pensare di trovarsi un lavoro per poter comprare la lingerie che sognava: lei avrebbe desiderato vestiti con merletti e calze simili a quelle viste dalle sue attrici preferite e nelle riviste di Playboy del padre. A quindici anni iniziò a lavorare in un negozio di biancheria intima come commessa. Il lavoro le permetterà di comprarsi tutti i gingilli da lei desiderati per esaltare la sua femminilità.
La passione per i vestiti vintage la porta a specializzare il suo studio al College in storia della moda, abbandonata l'idea di diventare una ballerina, Dita voleva diventare costumista per spettacoli e cinema.



Carriera

La sua carriera come stripper iniziò in un locale di spogliarello, a diciannove anni, dove si distinse per classe e originalità. Amava creare numeri ispirandosi allo stile degli anni Quaranta che ammirava particolarmente: capelli acconciati ad alveare, guanti fino al gomito, corsetti e giarrettiere; ciò confondeva e affascinava la clientela. Ad inizio carriera partecipò anche ad alcuni film softcore, come Romancing Sara e Matter of Trust (con lo pseudonimo di Heather Sweet), oltre a due film hardcore a tematica lesbo/fetish diretti da Andrew Blake
(Pin Ups 2 e Decadence).

Se l'eleganza delle sue performance traggono spunto da bellezze d'epoca come Gypsy Rose Lee e Betty Grable, la sua immagine è dichiaratamente ispirata a Bettie Page. Dita infatti è una bionda naturale dai lineamenti teneri, ma ciò andava molto lontano da come in realtà voleva apparire. Così, in un mondo popolato da riviste che propongono bellezze statuarie dalla chioma bionda e la pelle dorata, Dita si è tinta i capelli di nero corvino, si è scurita le sopracciglia, mantiene una pelle bianchissima e si dipinge le labbra di rosso scarlatto. Dita (alta all'incirca 1,67 m) spicca tra tante e inizia a lavorare come modella per riviste di genere fetish. Ma non solo i feticisti e gli amanti del latex iniziano ad apprezzare la sua alternativa bellezza, e in poco tempo Dita diventa una delle muse ispiratrici di molti artisti. Tra gli artisti in questione, non si può non citare uno dei più esclusivi shoes-designer francesi, Christian Louboutin, che ormai, grande amico della Von Teese, le disegna e le personalizza le scarpe per ogni suo spettacolo.
Nel 1999, nel 2001 e nel dicembre 2002 ha posato per la rivista statunitense Playboy, copertina che la rende nota in tutti gli Stati Uniti, oltre ad essere apparsa sulle copertine di Marquis e Bizarre, le più grandi e famose riviste di genere fetish.
Nel 2005 ha posato per la campagna di Vivienne Westwood insieme al marito Marilyn Manson, ha sfilato per Moschino e Jean Paul Gaultier ed ha fatto da testimonial per i brand di lingerie Agent Provocateur e Frederick's of Hollywood. Nel 2006 ha pubblicato un album fotografico a "doppia faccia" intitolato Burlesque and the Art of the Teese / Fetish and the Art of the Teese.
Dita si esibisce in locali e per eventi del tutto esclusivi, come ai Fashion Week's Party delle più grandi città, e al Crazy Horse di Parigi e di Las Vegas. Nel 2008 ha creato per Wonderbra una linea d'intimo ispirata a se stessa e agli anni Quaranta-Cinquanta.
Sempre nel 2008 è diventata testimonial per Cointreau, il famoso liquore all'arancia, che le dedicherà il CointreauTeese, un cocktail personalizzato alle note di violetta. A maggio 2009 si è esibita all'Eurofestival a Mosca accompagnando la canzone proposta dalla Germania e a febbraio 2010 è stata ospite al Festival di Sanremo condotto da Antonella Clerici; per l'occasione si presentò sul palco indossando nient'altro che diamanti, per un valore di 2,5 milioni di dollari. A gennaio 2013 prende parte al video musicale Disintegration prodotto dal duo elettronico Monarchy e diretto dal regista Roy Raz, ad aprile 2013 a quello di Up in the Air dei Thirty Seconds to Mars e l'anno seguente a quello di Ugly Boy, dei Die Antwoord.

Vita privata

Dita von Teese è divenuta nota anche per la sua relazione con la rockstar shock rock Brian Warner, in arte Marilyn Manson, durata sette anni 
(dal 2000 al 2007), e che ha ispirato al cantante l'album The Golden Age of Grotesque. Sposati nel dicembre 2005, il loro matrimonio si è concluso agli inizi del 2007. Il matrimonio, officiato dal regista Alejandro Jodorowsky, si era svolto in perfetto stile gotico e abiti ottocenteschi in Irlanda in un castello della contea di Tipperary.
In un'intervista rilasciata a Playboy Italia n. 14 (aprile 2010), Dita Von Teese 
ha dichiarato, a proposito delle sue relazioni:
«In passato ho avuto relazioni con uomini che mi trattavano come fossi una regina e allo stesso tempo trattavano tutti gli altri come fossero delle nullità. All'inizio mi affascinava, mi faceva sentire lusingata, poi ho scoperto che tutta questa maleducazione e mancanza di rispetto potevano anche essere usate con me e non mi è piaciuto. Quindi ora preferisco circondarmi di persone che hanno charme, eleganza e che conoscono le buone maniere.»



DREAM THEATER



11 febbraio Roma, Palazzo dello Sport
12 febbraio Milano, Mediolanum Forum

I Dream Theater sono un gruppo musicale progressive metal statunitense, fondato a Boston nel 1985 da John Petrucci, John Myung e Mike Portnoy. Nonostante alcuni cambiamenti di formazione, i tre componenti originari sono sempre stati presenti nel gruppo fino all'8 settembre 2010, giorno in cui Portnoy decise di lasciare il gruppo.

Nati inizialmente col nome di Majesty, i Dream Theater sono diventati uno dei gruppi progressive di maggior successo commerciale degli anni novanta. La band è rimasta celebre negli anni, grazie anche alla qualità dei suoi componenti e ai progetti esterni a cui hanno preso parte: Petrucci fu chiamato per sei volte come terzo componente dei G3, nel 2009 fu nominato come il "secondo miglior chitarrista metal di sempre" da Joel McIver nel suo libro The 100 Greatest Metal Guitarists, oltre ad essere stato inserito nella lista "Top 10 Greatest Guitar Shredders of All Time" stilata dalla rivista GuitarOne. L'ex batterista Mike Portnoy ha vinto 29 premi dalla rivista Modern Drummer ed è la seconda persona più giovane ad essere stata inserita nella Rock Drummer Hall of Fame all'età di 37 anni. Il suo successore Mike Mangini invece ha vinto cinque volte il titolo di WFD World's Fastest Drummer Extreme Sport Drumming. John Myung fu votato come il più grande bassista di tutti i tempi in un sondaggio effettuato dalla rivista MusicRadar nel settembre 2010; la stessa MusicRadar ha annoverato Jordan Rudess tra i migliori tastieristi di sempre. Nel 2010 inoltre, i Dream Theater sono stati introdotti nella Long Island Music Hall of Fame. Il simbolo del gruppo è lo stemma dell'anello di Maria Stuart di Scozia: 
raffigura la sua iniziale (M) incastonata con quella di suo marito, Francesco II
di Francia (phi greco F).


11 febbraio Roma, Palazzo dello Sport
12 febbraio Milano, Mediolanum Forum

Il loro disco più venduto è Images and Words (1992), il quale fu certificato disco d'oro dalla RIAA e si piazzò alla posizione numero 61 della classifica Billboard 200, vendendo complessivamente 2 milioni di copie nel mondo. Anche gli album Awake (1994) e Six Degrees of Inner Turbulence (2002) entrarono nella Billboard 200, rispettivamente alla posizione 32 e 46. Metropolis Pt. 2: Scenes from a Memory entrò alla posizione 95 nell'edizione di ottobre 2006 della lista stilata dalla rivisita Guitar World relativa ai 100 migliori album di tutti i tempi, oltre anche ad essere stato nominato il miglior album progressive di tutti i tempi secondo la rivista Rolling Stone. Nel 2007 Systematic Chaos entrò nella Billboard 200 alla posizione 19, mentre i successivi Black Clouds & Silver Linings e A Dramatic Turn of Events entrarono nella classifica statunitense rispettivamente alla posizione 6 e 8. Il singolo On the Backs of Angels, estratto da A Dramatic Turn of Events, ha ricevuto una nomination ai Grammy Award nella categoria "Best Hard Rock/Metal Performance", segnando la prima nomination in assoluto del gruppo ai Grammy Award.

Al 2011, i Dream Theater hanno venduto oltre 10 milioni di copie in tutto il mondo.



















THE DARKNESS


DZ DEATHRAYS

6 febbraio 2020 Milano, Alcatraz
7 febbraio 2020 Nonantola (Mo) Vox Vlub

I The Darkness 
sono un gruppo hard & heavy britannico.

Fratelli, Justin Hawkins (voce e chitarra) e Daniel Hawkins (chitarra) si trovano a Londra quando si imbattono nei loro amici d’infanzia, Frankie Poullain (basso) e Ed Graham (batteria), così nascono i Darkness. Gli esordi li vedono suonare esclusivamente nei pub, ma le loro tute attillate, i loro notevoli assoli di chitarra e il loro essere sopra le righe procura loro ben presto una certa popolarità.

Raggiungono l'apice del successo in UK nel 2003, quando dominano la messa in onda radiofonica con singoli di grande fama come "I Believe In a Thing Called Love" e la hit natalizia “Christmas Time (Don’t Let the Bells End). Il loro album di debutto, “Permission To Land", ha raggiunto la prima posizione delle classifiche ed ha venduto, solo nel Regno Unito, più di un milione e mezzo di dischi.

Il trionfo dell'album dà il via a dei tour interminabili, che comprendono tra l'altro la partecipazione ai Carling Festival del 2004. Hanno vinto tre Brit Award nel 2004 come Miglior gruppo, Miglior gruppo rock e Miglior album. Hanno anche conquistato tre Kerrang! Award, due nel 2003 come Miglior concerto live e Miglior album, uno nel 2004 come Miglior gruppo live.

Prosegue la attività di pubblicazione dischi e di tour. Successivamente nel 2006 la band decide di sciogliersi, per poi riunirsi nel 2011.



TENACIOUS D
WYNCHESTER


TENACIOUS D
WYNCHESTER
19 febbraio Lorenzini District Milano
Apertura cancelli: 16:00 - Inizio spettacolo 20:00

TENACIOUS D

Jack Black e Kyle Gass 
formano la Miglior Band del Mondo: Tenacious D. 
Iniziano a suonare insieme nello studio di Kyle a Los Angeles.
Nessuno avrebbe mai potuto immaginare dove la genialità della band avrebbe potuto portarli, e invece…



Nel 1999 la band conduceva una serie su HBO. Il loro album omonimo esce nel 2001 per Epic Records e viene certificato quasi subito disco d’oro fino a diventare poco dopo disco di platino.
Nel 2006 esce il film “Tenacious D e il destino del Rock” per la New line Cinema. Nel 2012 esce l’album “Rize of the Fenix” che riceverà una nomination come “Best Comedy Album” ai Grammy.
Nel 2013 Black e Gass lanciano il Festival Supreme, un festival comico-musicale a Los Angeles. Nei suoi primi 4 anni, Festival Supreme ha ospitato artisti del calibro di Adam Sandler, Sarah Silverman, Flight of the Conchords, “Weird Al” Yankovic, Patton Oswalt, Die Antwoord, Amy Poehler, Workaholics e molti altri.
Nel 2014 Tenacious D vincono un Grammy come “Best Metal Performance” grazie alla loro cover di “The Last In Line” di Ronnie James Dio.
Il 2 novembre 2018 esce “Tenacious D in Post-Apocalypto”, un film animato nel quale ogni frame è stato disegnato di Black e ogni personaggio ha la voce di Black e Gass.
Insieme al film, esce anche l’album “Post-Apocalypto”.
Insieme, I Tenacious D, aggiungono un po’ di genialità nello già scintillante 
mondo del rock.





GHOST

ALL THEM WITCHES TRIBULATION




GHOST
ALL THEM WITCHES 
TRIBULATION
5 dicembre 2019
Grana Padano Arena Mantova
Apertura cancelli: 18:00 - Inizio spettacolo 18:30


GHOST

I Ghost, precedentemente conosciuti come Ghost B.C. negli Stati Uniti, sono un gruppo musicale heavy metal svedese, formatosi a Linköping nel 2008. I testi presentano un'impronta esoterica e fortemente satanista, facilmente riconoscibile già dai titoli di alcune canzoni, quali "Deus Culpa", "Satan Prayer" e "Depth of Satan's Eyes". Questa tendenza è accompagnata dall'atmosfera misteriosa e macabra che si crea durante le esibizioni live. Infatti il nome dei componenti della band è ignoto e il cantante, autodefinitosi "Papa Emeritus", si esibisce col volto truccato da teschio ed un abito cardinalesco, modificato per l'occasione con l'aggiunta di croci rovesciate che richiamano all'anticlericalismo del gruppo. Gli altri membri, ovvero i due chitarristi, il bassista, il batterista e il tastierista, si esibiscono incappucciati con tuniche e maschere nere e sono spesso indicati come "Nameless Ghouls", rappresentanti i cinque elementi della natura, proprio per la loro essenza spettrale e per il fatto che i loro nomi non sono stati resi noti.

Nel 2010 hanno pubblicato la loro prima demo di tre tracce, seguita dal 
singolo in formato 45 giri “Elizabeth/Deth Knell" e dall'album di debutto 
"Opus Eponymus".




In un'intervista condotta da Australian Hysteria Magazine ad un Nameless Ghoul, la band ha dichiarato di aver preso ispirazione da gruppi underground black metal dei primi anni novanta tra i quali Mayhem, Sarcofago e Devil Doll per il loro aspetto cupo ed oscuro.

La band ha preso parte al "Defenders of Faith III Tour" con Trivium, In Flames e Rise To Remain nelle date europee. Il 18 gennaio 2012 il gruppo è approdato per la prima volta negli Stati Uniti con il "13 Dates of Doom" tour a New York, conclusosi il 2 febbraio a Los Angeles. Tra maggio e aprile del 2012 i Ghost hanno aperto i concerti di Mastodon e Opeth nelle date nordamericane dell'"Heritage Hunter Tour”.

Nel gennaio 2013 il gruppo cambia nome, per cause legali negli Stati Uniti, in Ghost B.C. A proposito del cambio di nome uno dei Nameless Ghoul ha affermato: «B.C. è un gioco di parole per Before Christ, ma è solo un emendamento. [...] La B.C. è silente e, non appena possibile, verrà tolto definitivamente.». Il 12 marzo 2013 sulla pagina Facebook del gruppo i fan hanno potuto ascoltare “Year Zero”, primo singolo dell’album “Infestissumam”.

Il 15 febbraio 2013 viene pubblicato il singolo "Secular Haze" cha va ad anticipare il secondo album “Infestissumam”, pubblicato il 16 aprile.

Il 10 maggio 2015 il gruppo annuncia la data di pubblicazione di "Meliora" terzo album in studio, e la copertina dell'album. Il 29 maggio 2015 viene rivelato l'ingresso nella formazione di Papa Emeritus III. Con l'uscita del disco, il manager ha annunciato che il gruppo ha ufficialmente abbandonato la denominazione "Ghost B.C.”.

Il 16 settembre 2016, il gruppo pubblica l’EP "Popestar", contenente il brano inedito “Square Hammer", estratto come singolo, e le cover di quattro brani.



KIEFER SUTHERLAND




9 febbraio Milano, Fabrique



Torna in Italia per un unico show.
Kiefer Sutherland, il talentuoso attore e cantautore americano, sara’ a Milano per una serata intima che lo vedra’ protagonista di un 
viaggio musicale nel cuore della Country Rock Music.